IL BIMBO DI RACHELE

By Daniela Alibrandi

Romance, Thriller, New adult fiction

Paperback, eBook

Embed Sample

  • Tall widget
  • Wide widget
  • Mini widget

PREVIEW

Copy & paste the code below into your site or blog!
Copy & paste the code below into your site or blog!
Copy & paste the code below into your site or blog!
X

Reading Options

Font size

Aa Aa X
Back to book


327
2 mins

 

                               

Si era svegliata, era domenica e aveva da poco compiuto quarant’anni. Cosa non avesse funzionato nella sua vita, Rachele ancora non riusciva a spiegarselo. Era la prima domanda che si poneva la mattina, non appena apriva gli occhi, e la sera, mentre sentiva il suo animo scivolare nel buio. Non dipendeva dal suo aspetto fisico, o dal suo carattere, ma il dato di fatto era che ora lei era una donna che aveva sprecato i suoi anni migliori. Sapeva ridere anche delle disavventure, riusciva a valorizzare al meglio i tratti del suo volto, riteneva anche di possedere un’intelligenza media, un giusto senso critico e un pragmatismo grazie al quale aveva organizzato in modo soddisfacente la sua vita. Eppure non ce l’aveva fatta, non era riuscita ancora a creare dei legami solidi.

E si era fermata solo ora a riflettere sui suoi quarant’anni, non come i milioni di occhi che trovano il coraggio di guardare indietro al prima, prima che sia troppo tardi. Quarant’anni fatti di nulla. Le prime luci dell’alba che filtravano dalle tapparelle chiuse della porta finestra sembravano una promessa di futuro. Decise di alzarsi, anche contro la sua stessa volontà. Si sedette facendo uno sforzo immane, la testa le girò forte, ma lei si impose di non ricadere su quel letto nel quale dormiva sola, da sempre.

Nella penombra della stanza Rachele si specchiò. Le sue gambe lunghe e magre, il suo seno prosperoso e la folta capigliatura avrebbero fatto pensare a chiunque che quella donna fosse uno schianto. Avvicinandosi alla finestra sentì all’improvviso che l’aria portava, oltre al forte odore del mare, il cinguettio di innumerevoli uccelli che si stavano svegliando insieme a lei. Qualcosa cominciò a far palpitare forte il suo cuore, come se quel giorno fosse il primo di una nuova vita. Con la manovella posizionò le tapparelle in modo da vedere il panorama che si apriva davanti ai suoi occhi, e non riuscì più ad avere sensazioni tangibili.

Era uno spettacolo che mozzava il fiato. La sua casa era l’ultima di una serie di abitazioni che si affacciavano sulla scogliera, nella curva che segnava il confine tra Santa Marinella e Santa Severa, subito dopo l’hotel Stella Marina. Il sole stava nascendo alle spalle della baia e illuminava il mare accendendo il suo colore blu intenso. I voli dei gabbiani, veloci e concentrici, sembravano perpetrare una danza tribale e le loro grida erano un tacito e ancestrale dialogo tra loro e il nuovo giorno. Sopra alcuni scogli lambiti pigramente dalle onde si riposavano a turno i bianchi volatili. Lei non riuscì a reprimere l’impulso di aprire la finestra e respirare a pieni polmoni ciò che il creato le stava offrendo. Il vento debole ma pungente la baciò, con l’amore di cui forse nessun uomo sarebbe stato capace, le scompigliò i capelli e le asciugò le lacrime. Furono i ripetuti colpi di tosse a ricordarle che forse avrebbe fatto bene a finirla con le sigarette. Erano anni che fumava e non trovava mai il momento giusto per smettere. E ora, che non riusciva a respirare a pieno quell’aria incontaminata, si vergognava di se stessa. Sentì freddo e rientrò nella camera da letto, indossò la vestaglia e andò in cucina.


Login
admin

iAuthor

Just now

Make your presence felt. Be the first to post!

    1463861044 social-instagram-new-square1 Io6eZONw-01 Add to footer
Sitemap | Terms & Conditions
Privacy & Data

© 2020 iAuthor Ltd
Design: Splash | Web: MWW
 BAI logo smaller